Come cambiare la pasta termica su CPU e GPU

Come cambiare la pasta termica su CPU e GPU

Ti sei mai chiesto quanto calore produce un microprocessore? Tieni conto che in relazione alle sue dimensioni così ridotte una CPU può raggiungere temperature di ebollizione dell’acqua in una manciata di secondi! È quindi necessario trovare il miglior modo possibile per dissipare tutto il calore immediatamente. Ecco spiegato perché è fondamentale cambiare la pasta termina sulla CPU. Tuttavia anche la scheda grafica possiede un elemento di elaborazione dati simile al microprocessore ed anch’esso è soggetto a surriscaldamento se non dissipato correttamente. Cambiare periodicamente la pasta termica anche sulla GPU risolverà tutti i problemi di blocco e glitch grafici, ma come procedere?

Assemblando un computer puoi optare per il miglior dissipatore, ottimizzare al massimo l’airflow, ma se non dedichi una manutenzione periodica alla tua macchina sarà tutto inutile. Tale pulizia non consiste soltanto nel pulire le ventole dalla polvere e lucidare ogni parte del computer, ma cambiare la pasta termica sulla CPU e GPU! Procedimento fondamentale per evitare surriscaldamenti inutili, blocchi improvvisi e problemi grafici.

Che cos'è la pasta termica?

La pasta termica è un materiale termo conduttore che aiuta il trasferimento del calore dal corpo del microprocessore al blocco di dissipazione. Con il passare del tempo e con le ore di utilizzo del computer la pasta termica è soggetta a forti shock termici ed inoltre, a contatto con l’aria, tende a seccarsi.

Se riscontri già ora problemi di rallentamento e blocchi improvvisi potrebbe essere giunta l’ora di intervenire sul problema e cambiare la pasta termica sulla CPU e GPU. Prevenire il surriscaldamento dell’intero hardware è fondamentale specialmente quando si ha sottomano un notebook. Le dimensioni ridotte aumentano il fenomeno in questione limitando i futuri interventi.

Da dove proviene la maggior parte del calore?

Abbiamo visto che cos’è la CPU e come funziona nell’apposito articolo, quindi sappiamo che il microprocessore è l’elemento associato ai vari calcoli. Abbiamo visto anche come vengono effettuate tali operazioni ed analizzato tutte le varie procedure. Lo stesso discorso vale quindi anche per la scheda video, avendo essa un processore dedicato per tutte le operazioni riguardanti la grafica.

La maggior parte del calore prodotta da un computer viene proprio da questi due componenti ed è fondamentale ottimizzarli al meglio. Lo stesso discorso vale anche per i notebook, anzi, sono proprio loro a soffrire principalmente di surriscaldamento e cambiare regolarmente la pasta termica su CPU e GPU allungherà di gran lunga la loro vita commerciale. 

Come cambiare la pasta termica su notebook e desktop

Partiamo dal presupposto che tutti i computer sono dotati grossomodo dello stesso hardware. Ciò che li differisce sono principalmente le dimensioni che occupano. Di conseguenza il procedimento per cambiare la pasta termica sulla CPU o GPU rimane invariato se si ha sottomano un notebook o un desktop.

Tuttavia per la prima opzione dovrai seguire tutta la procedura su come smontare un computer portatile prima di procedere. Se ti trovi di fronte un computer fissi, invece, ti basterà aprire le paratie laterali per mettere subito mano ai componenti hardware.

Cambiare la pasta termica su CPU

Giunti a questo punto, la procedura per cambiare la pasta termica sulla CPU è veramente semplice:

  • Scollega i cavi di alimentazione
  • Svita le viti che trovi sul dissipatore e metti a nudo la CPU. Solo nel caso di un notebook dovrai smontare la scheda madre per avere pieno accesso ai relativi componenti.

A questo punto non ti resta che rimuovere la pasta termica seguendo le istruzioni riportate nell’apposito articolo, quindi applicare un nuovo strato di pasta termica e procedere al rimontaggio del dissipatore.

Cambiare la pasta termica su CPU

La procedura descritta poc’anzi è valida anche se si parla di scheda video. Una piccola eccezione sarà a questo punto il blocco di dissipazione. Difatti se per la CPU si utilizzano dissipatori con viti posizionate in zone limitrofe al socket, per la scheda video dovrai ricercarle attorno ad essa. Solitamente sono posizionate sui lati più lunghi del blocco di dissipazione, in altri casi basterà svitare le viti poste sul retro della scheda video per procedere.

Una volta tolto il dissipatore avrai pieno accesso alla GPU e potrai procedere come descritto sopra alla sostituzione della pasta termica.

come cambiare la pasta termica su cpu e gpu in un portatile

Una volta rimontato il dissipatore e collegato nuovamente le ventole, prima di chiudere il computer ricordati di testare il corretto funzionamento dell’intero hardware. Se dovessi riscontrare ulteriori problemi ti consiglio di eseguire nuovamente la procedura facendo attenzione al fissaggio degli appositi lamierini di dissipazione.